Linfonodi e prevenzione

 

linfonodi-prevenzione

Svegliarsi la mattina e ritrovarsi, mentre si fa la doccia, con dei linfonodi ingrossati fa sempre molta paura: inevitabilmente, infatti, si pensa subito al peggio, credendo di essere affetti da qualche tumore o qualche grave malattia. L’informazione in merito ai tumori ed alle malattie neoplastiche in genere ha, negli anni, creato due situazioni: da un lato ha permesso una conoscenza più consapevole dei rischi e delle conseguenze di una malattia tumorale – dando però molta più speranza nel caso in cui il tumore venga scoperto “in tempo” – mentre dall’altra ha creato paura ed ansia rendendo noti i sintomi più comuni di queste malattie, tra i quali figurano, naturalmente, anche i rigonfiamenti dei linfonodi.

 

 

Quando un linfonodo si ingrossa ed aumenta le sue naturali dimensioni, tendiamo immediatamente a preoccuparci: ma questo non significa che siamo necessariamente malati di un tumore o di una patologia neoplastica. È bene quindi essere informati ma è anche molto importante non creare allarmismi eccessivi: un linfonodo che si ingrossa sul collo o sotto il mento, per esempio, potrebbe essere indice di un linfoma, ma nella maggior parte dei casi sarà solo il campanello d’allarme di qualche banale raffreddore o malanno stagionale. Così come un linfonodo che aumenta le sue dimensioni nella zona inguinale può indicare una banale infezione, o che magari abbiamo camminato troppo a lungo a piedi scalzi; mentre un linfonodo gonfio nella zona delle ascelle può indicare semplici e banali traumi, legati in qualche caso anche ad una depilazione eccessiva e quindi ad una infiammazione.

 

 

Raramente questi casi sono associabili ad una malattia seria, come un tumore al seno o alle mammelle nel caso di linfonodi gonfi alle ascelle; un linfoma nel caso di linfonodi ingrossati al collo ed all’inguine, ma naturalmente solo il medico potrà stabilire con certezza la situazione.

Per questo motivo, una diagnosi immediata e precoce può dare informazioni immediate e sicure ed evitare che si creino falsi allarmismi.