Linfonodi del collo

 

Anche il collo è una zona del corpo nella quale risulta massiccia la presenza di linfonodi, la vera barriera protettiva contro le infezioni. Ecco perché qualsiasi tipo di infezione, anche quella più banale come può essere un mal di gola o una faringite può portare quasi automaticamente all'ingrossamento dei linfonodi del collo.

 

 

Le cause dell'ingrosamento nei linfonodi del collo

linfonodi-del-colloL’ingrossamento dei linfonodi di solito è causato nel migliore dei casi da un’infezione oppure nei casi più delicati da una massa tumorale, mentre più raramente si può trattare di malattie immunitarie sistemiche come l’artrite reumatoide o il lupus. Nel primo caso si può trattare di raffreddore, mal di gola,  influenza, gengiviti, faringite, tonsillite, laringite, sinusite, parotite ma anche infezioni dell’orecchio oppure mononucleosi infettiva. Diversi tipi di cancro, come quelli alla gola o alla laringe possono provocare l’ingrossamento dei linfonodi nel collo e lo stesso dicasi per la leucemia. Ma l’ingrossamento dei linfonodi nel collo può essere dovuto anche a infezioni della pelle, herpes, tubercolosi, effetti collaterali di alcuni farmaci o vaccino e infine positività all'HIV.

 

 

I sintomi dei linfonodi del collo ingrossati e la diagnosi

Sono diversi i sintomi che portano a scoprire i linfonodi del collo rigonfiati. Tra i principali annoveriamo pelle rossa e calda al tatto nella zona di un linfonodo, febbre, sudorazione eccessiva, brividi, battito cardiaco accelerato, perdita di appetito, difficoltà di deglutizione e di respirazione, stato generale di debolezza, rigidità del collo. In tutti questi casi meglio farsi controllare dal proprio medico di base ed eventualmente da un otorinolaringoiatra, lo specialista adatto a questo tipo di problema. Il medico effettuerà un esame obiettivo per valutare se i linfonodi siano leggermente o decisamente ingrossati, mentre gli esami più comuni sono ecografia, emocromo completo, esami del sangue sino alla biopsia del linfonodo. E se l’ingrossamento dura per più di quattro settimane può indicare una malattia grave, anche se spesso la causa è benigna.

 

Il trattamento dei linfonodi ingrossati del collo

Ancora prima di consultare il medico, se il dolore è forte si possono fare  applicare degli impacchi caldi e prendere degli antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene. E qualora si sospetti un'infezione batterica basteranno gli antibiotici più comuni. Invece i trattamenti in caso di linfonodi nel collo causati da un tumore sono l’intervento chirurgico, la radioterapia o la chemioterapia, a seconda del tipo e della diffusione della malattia.

In generale, il cancro che provoca l’ingrandimento dei linfonodi è in uno stadio abbastanza avanzato (eccetto i tumori del sistema linfatico, come il linfoma che origina nei linfonodi stessi).